Curiosità latine L

Da Cap2.
(Differenze fra le revisioni)
(Lutto)
 
Riga 3: Riga 3:
 
Il '''“laganum”''' dell’antica Roma (forse derivato dal “laganon” etrusco e antenato della “lagana” olevanese) era una sfoglia fritta. Lo scrittore Ateneo ci ha tramandato una ricetta per la sua preparazione.<br />Dopo aver tritato e pestato foglie di lattuga, aggiungere grasso di maiale e pepe. Dopo aver lavorato l’impasto, stenderlo con il mattarello, tagliare a strisce e friggere in olio bollente.<br />
 
Il '''“laganum”''' dell’antica Roma (forse derivato dal “laganon” etrusco e antenato della “lagana” olevanese) era una sfoglia fritta. Lo scrittore Ateneo ci ha tramandato una ricetta per la sua preparazione.<br />Dopo aver tritato e pestato foglie di lattuga, aggiungere grasso di maiale e pepe. Dopo aver lavorato l’impasto, stenderlo con il mattarello, tagliare a strisce e friggere in olio bollente.<br />
  
== '''Lanista''' ==
+
=== '''Lanista''' ===
 
Il lanista nella Roma antica era l’istruttore dei gladiatori ed anche il proprietario della palestra dove i gladiatori imparavano l’arte della lotta e si allenavano.<br />
 
Il lanista nella Roma antica era l’istruttore dei gladiatori ed anche il proprietario della palestra dove i gladiatori imparavano l’arte della lotta e si allenavano.<br />
== '''Laticlavio''' ==
+
 
 +
=== '''Larario''' ===
 +
Il larario era un tempietto domestico dei romani dove si veneravano i Lari (gli spiriti protettori degli antenati).<br />
 +
 
 +
=== '''Laticlavio''' ===
 
Il laticlavio era la tunica orlata con una larga striscia color porpora indossata dai senatori.<br (>Gli appartenenti all’ordine equestre, invece, indossavano una tunica con una striscia stretta.<br />
 
Il laticlavio era la tunica orlata con una larga striscia color porpora indossata dai senatori.<br (>Gli appartenenti all’ordine equestre, invece, indossavano una tunica con una striscia stretta.<br />
  
== '''Latte dei fichi''' ==
+
=== '''Latte dei fichi''' ===
 
I romani usavano il “latte” dei fichi come caglio del latte di capra nella preparazione dei formaggi.<br />
 
I romani usavano il “latte” dei fichi come caglio del latte di capra nella preparazione dei formaggi.<br />
  
== '''Lattuga''' ==
+
=== '''Lattuga''' ===
 
L’insalata di lattuga era molto in voga nella dieta dei romani. A tal proposito, c’è da ricordare che i soldati romani, appena allestivano un campo, subito si davano da fare per piantarla in modo da averla sempre fresca.<br />
 
L’insalata di lattuga era molto in voga nella dieta dei romani. A tal proposito, c’è da ricordare che i soldati romani, appena allestivano un campo, subito si davano da fare per piantarla in modo da averla sempre fresca.<br />
  
== '''Lavanda''' ==
+
=== '''Lavanda''' ===
 
La lavanda, per le sue proprietà rinfrescanti ed aromatiche, era una pianta molto adoperata in cucina dai romani; Plinio il Vecchio ci dice che era addirittura una delle più utilizzate.<br />
 
La lavanda, per le sue proprietà rinfrescanti ed aromatiche, era una pianta molto adoperata in cucina dai romani; Plinio il Vecchio ci dice che era addirittura una delle più utilizzate.<br />
  
Riga 22: Riga 26:
 
=== '''Ligula''' ===
 
=== '''Ligula''' ===
 
La ligula era un tipo di cucchiaio usato dai romani ed era simile al cucchiaio moderno.<br />
 
La ligula era un tipo di cucchiaio usato dai romani ed era simile al cucchiaio moderno.<br />
 +
 
=== '''Littori''' ===
 
=== '''Littori''' ===
 
I littori precedevano in numero di:<br />- 24, i dittatori;<br />- 12, i consoli e i proconsoli;<br />- 6, i pretori in guerra;<br />- 5, i questori nelle province;<br /> - 2, i pretori in città.<br />
 
I littori precedevano in numero di:<br />- 24, i dittatori;<br />- 12, i consoli e i proconsoli;<br />- 6, i pretori in guerra;<br />- 5, i questori nelle province;<br /> - 2, i pretori in città.<br />
Riga 30: Riga 35:
 
=== '''Lucrezio''' ===
 
=== '''Lucrezio''' ===
 
Si tramanda che lo scrittore latino Tito Lucrezio Caro, autore del celebre “De Rerum Natura”, abbia scritto il suo capolavoro negli intervalli di lucidità della sua pazzia procuratagli da un filtro amoroso.<br />
 
Si tramanda che lo scrittore latino Tito Lucrezio Caro, autore del celebre “De Rerum Natura”, abbia scritto il suo capolavoro negli intervalli di lucidità della sua pazzia procuratagli da un filtro amoroso.<br />
 +
 
=== '''Luperco''' ===
 
=== '''Luperco''' ===
 
Luperco era il dio dei pastori ed in suo onore il 15 febbraio di ogni anno si celebravano feste rituali dette Lupercali. <br />
 
Luperco era il dio dei pastori ed in suo onore il 15 febbraio di ogni anno si celebravano feste rituali dette Lupercali. <br />

Versione attuale delle 18:20, 12 gen 2020

Indice

[modifica] Laganum

Il “laganum” dell’antica Roma (forse derivato dal “laganon” etrusco e antenato della “lagana” olevanese) era una sfoglia fritta. Lo scrittore Ateneo ci ha tramandato una ricetta per la sua preparazione.
Dopo aver tritato e pestato foglie di lattuga, aggiungere grasso di maiale e pepe. Dopo aver lavorato l’impasto, stenderlo con il mattarello, tagliare a strisce e friggere in olio bollente.

[modifica] Lanista

Il lanista nella Roma antica era l’istruttore dei gladiatori ed anche il proprietario della palestra dove i gladiatori imparavano l’arte della lotta e si allenavano.

[modifica] Larario

Il larario era un tempietto domestico dei romani dove si veneravano i Lari (gli spiriti protettori degli antenati).

[modifica] Laticlavio

Il laticlavio era la tunica orlata con una larga striscia color porpora indossata dai senatori.
Gli appartenenti all’ordine equestre, invece, indossavano una tunica con una striscia stretta.

[modifica] Latte dei fichi

I romani usavano il “latte” dei fichi come caglio del latte di capra nella preparazione dei formaggi.

[modifica] Lattuga

L’insalata di lattuga era molto in voga nella dieta dei romani. A tal proposito, c’è da ricordare che i soldati romani, appena allestivano un campo, subito si davano da fare per piantarla in modo da averla sempre fresca.

[modifica] Lavanda

La lavanda, per le sue proprietà rinfrescanti ed aromatiche, era una pianta molto adoperata in cucina dai romani; Plinio il Vecchio ci dice che era addirittura una delle più utilizzate.

[modifica] Legioni

Le legioni dell’esercito romano verso il 310 erano 4 ed arrivarono a 28 durante la 2^ guerra punica.

[modifica] Ligula

La ligula era un tipo di cucchiaio usato dai romani ed era simile al cucchiaio moderno.

[modifica] Littori

I littori precedevano in numero di:
- 24, i dittatori;
- 12, i consoli e i proconsoli;
- 6, i pretori in guerra;
- 5, i questori nelle province;
- 2, i pretori in città.

[modifica] Lorica squamata

La corazza dei legionari romani formata da piccole placche si chiamava “lorica squamata”.

[modifica] Lucrezio

Si tramanda che lo scrittore latino Tito Lucrezio Caro, autore del celebre “De Rerum Natura”, abbia scritto il suo capolavoro negli intervalli di lucidità della sua pazzia procuratagli da un filtro amoroso.

[modifica] Luperco

Luperco era il dio dei pastori ed in suo onore il 15 febbraio di ogni anno si celebravano feste rituali dette Lupercali.

[modifica] Lutto

Nell’antica Roma gli uomini manifestavano il lutto portando la barba lunga e incolta.


Torna a Curiosità latine I oppure vai a Curiosità latine M

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti