Curiosità Egiziane

Da Cap2.
(Differenze fra le revisioni)
(LETTERA I)
(LETTERA P)
 
Riga 218: Riga 218:
 
Osiride era il dio egizio dell’oltretomba. Molto amato dagli uomini perché aveva insegnato loro l’agricoltura e la fabbricazione del vino, fu ucciso per gelosia dal fratello Seth, dio del caos e della distruzione.<br />
 
Osiride era il dio egizio dell’oltretomba. Molto amato dagli uomini perché aveva insegnato loro l’agricoltura e la fabbricazione del vino, fu ucciso per gelosia dal fratello Seth, dio del caos e della distruzione.<br />
 
== '''LETTERA P''' ==
 
== '''LETTERA P''' ==
 +
=== '''Pane''' ===
 +
- Gli antichi egizi già consumavano il pane lievitato.<br />
 +
- Per ottenere il pane più soffice e fragrante, già nel 3500 a.C. gli antichi egizi scoprirono la fermentazione dell’impasto per la sua preparazione.<br />
 +
 
==='''Piaghe d'Egitto'''===
 
==='''Piaghe d'Egitto'''===
 
Le dieci piaghe d’Egitto furono calamità mandate da Dio per punire gli egiziani che si opponevano alla partenza degli ebrei. Esse furono: <br />
 
Le dieci piaghe d’Egitto furono calamità mandate da Dio per punire gli egiziani che si opponevano alla partenza degli ebrei. Esse furono: <br />
 
- acqua mutata in sangue; <br />- rane;<br />- zanzare;<br />- mosche velenose;<br />- moria di bestiame;<br />- ulcere;<br />- grandine;<br />- locuste;<br />- tenebre;<br />
 
- acqua mutata in sangue; <br />- rane;<br />- zanzare;<br />- mosche velenose;<br />- moria di bestiame;<br />- ulcere;<br />- grandine;<br />- locuste;<br />- tenebre;<br />
 
- morte di tutti i primogeniti. <br />
 
- morte di tutti i primogeniti. <br />
 +
 
==='''Piramidi'''===
 
==='''Piramidi'''===
 
Durante i lavori per edificare la Piramide di Cheope, furono spesi ben 1.600 talenti d’argento in cipolle, agli e rafani di cui si nutrivano gli operai. La notizia ci è riportata da Erodoto.<br />
 
Durante i lavori per edificare la Piramide di Cheope, furono spesi ben 1.600 talenti d’argento in cipolle, agli e rafani di cui si nutrivano gli operai. La notizia ci è riportata da Erodoto.<br />
 
=== '''Pane''' ===
 
Gli antichi egizi già consumavano il pane lievitato.<br />
 
  
 
=== '''Protesi''' ===
 
=== '''Protesi''' ===

Versione attuale delle 20:12, 14 giu 2019

CURIOSITA' EGIZIANE

In questo spazio potrete soddisfare tante “curiosità”, trovare notizie strane, episodi particolari, vicende e aneddoti di una delle più grandi civiltà del mondo antico, quella egiziana.
Gli autori cercano ancora una volta di rendere un servizio ai loro lettori offrendo notizie da citare al momento opportuno, per stupire, per meravigliar, per lasciare a bocca aperta.


Indice

[modifica] LETTERA A

[modifica] Aglio

– Nell’antico Egitto i membri delle classi più elevate non mangiavano aglio perché ritenuto un cibo disprezzato dagli dei.
- Nell’antico Egitto l’aglio era ritenuto capace di aumentare la resistenza alla fatica e di tenere lontani dalle infezioni e pertanto era distribuito agli schiavi che lavoravano alle piramidi.

[modifica] Almea

Nell’antico Egitto l’almea era la cantatrice che cantava nelle feste private signorili in occasione di matrimoni e di altre feste di famiglia.

[modifica] Amasi

Amasi era un faraone del VI secolo a.C. ricordato per aver istituito l’imposta sul reddito.

[modifica] Amon-Ra

Amon-Ra, il dio-creatore egizio, per innalzarsi in volo sulle acque primordiali e deporre l’uovo cosmico che avrebbe dato inizio al mondo, assunse l’aspetto di un’oca.

[modifica] Amuleti

1) Tra gli amuleti egizi, ce ne erano anche alcuni a forma di scala in quanto la scala era uno dei simboli di Osiride.
2) Per mezzo di questo amuleto, si sperava di salire più facilmente verso il mondo celeste e raggiungere la beatitudine.

[modifica] Anice

- Gli antichi egizi in cucina usavano già la pianta dell’anice.
- Gli antichi egizi (come pure i greci ed i romani) ritenevano che l’anice fosse afrodisiaco.

[modifica] Anguria

Gli antichi egizi coltivavano l’anguria ed usavano metterlo nella tomba del faraone come mezzo di sostentamento nella vita d’oltretomba.

[modifica] Anubi

Il dio Anubi, protettore delle necropoli e del regno dei morti, era raffigurato con la testa di cane selvatico, chiamata poi genericamente testa di sciacallo, animale che si nutre anche di animali morti e per questo considerato più vicino alla morte.

[modifica] Api

Il toro sacro agli egizi si chiamava Api.

[modifica] Apofi

Il serpente Apofi era una divinità egizia, nemica di Ra, il Sole. In continua battaglia tra loro, quando Apofi vinceva avveniva l’eclissi di sole; quando era RA ad avere il sopravvento, c’era il quotidiano apparire della luce.

[modifica] Aton

Aton era una divinità dell’antico Egitto raffigurato come un disco solare i cui raggi hanno le mani proprio per indicare che esso dispensa la vita.

[modifica] LETTERA B

[modifica] Babbuini

Nell’antico Egitto i babbuini talvolta venivano addestrati per raccogliere i fichi maturi dagli alberi.

[modifica] Barba

Nell’antico Egitto la barba era un segno di distinzione in quanto emanazione della divinità e questo era il motivo per cui gli dei erano raffigurati sempre con la barba. Per questo motivo spesso i faraoni ricorrevano ad una barba finta che si applicavano fissandola alla testa con un nastro.
Questo valeva anche se il faraone era una donna.

[modifica] Bastet (o Bast)

Bastet era la dea egizia protettrice delle danze e dell’amore. Essa, venerata fin dagli inizi del III Millennio a.C., era rappresentata con la testa di gatto, animale a lei sacro.

[modifica] Bignè

Il bignè ha origine antichissime … palline di pasta farcite con miele, datteri e uva passa simili agli attuali bignè sono stati ritrovati nella tomba di un principe egizio risalente al 2400 a.CV..

[modifica] Birra

Gli Egizi erano amanti della birra che consideravano la bevanda di Osiride, la loro principale divinità.

[modifica] Bottarga

Già nell’antichità gli egizi preparavano la bottarga utilizzando le uova dei cefali che risalivano i canali del Nilo.

[modifica] Bowling

In una tomba egiziana risalente al 3200 a.C., sono stati trovati una palla di pietra e dei birilli simili a quelli usati oggi nel bowling.

[modifica] LETTERA C

[modifica] Cannella

Gli antichi egizi per curare la pelle usavano la cannella che conoscevano dal 3000 a.C..

[modifica] Capelli

- Per le donne dell’antico Egitto era un onore avere la testa calva. Per questo motivo si toglievano i capelli uno ad uno con una pinzetta d’oro e dopo si massaggiava e strofinava il cranio fino a fargli avere la lucentezza voluta.
- Per nascondere i capelli bianchi, gli egizi si spalmavano sopra un unguento fatto di sangue di toro nero disciolto nel grasso.

[modifica] Carciofi

Gli antichi egizi, al pari degli etruschi e dei romani, apprezzavano molto il carciofo. A tal proposito c’è da dire che Tolomeo Evergete, re dell’Egitto del III secolo a.C., lo faceva mangiare ai suoi soldati ritenendo che questo ortaggio infondesse loro forza e coraggio.

[modifica] Ceci

Nell’antico Egitto i ceci, per la loro grande disponibilità, erano un cibo povero, anche se di alto potere nutritivo e rinvigorante (e per questo alla base dell’alimentazione degli schiavi); questi cereali, inoltre, erano ritenuti addirittura afrodisiaci.

[modifica] Cetrioli

I cetrioli erano già coltivati dagli egizi ed erano tra gli ortaggi più graditi dai Faraoni.

[modifica] Cicoriella

La cicoriella (variante della cicoria) è citata nel “papiro Ebers”, un trattato egiziano di erboristeria che risale al XVI secolo a.C..

[modifica] Cipolle

1) In Egitto la cipolla era uno dei principali ingredienti dell’alimentazione degli operai e degli schiavi addetti alla costruzione delle Piramidi.
2) Faraoni, scribi e sacerdoti mangiavano molte cipolle perché le ritenevano benefiche per la salute.

[modifica] Cleopatra

- Al loro arrivo, la regina Cleopatra offrì una granita sia a Giulio Cesare sia a Marcantonio.
- Il pesce preferito della regina Cleopatra era lo scorfano.
- Cleopatra amava così tanto la fragranza del gelsomino al punto da far cospargere le vele delle navi con questo profumo in modo che il vento, soffiando, lo diffondesse nell’aria.
- Cleopatra prima di suicidarsi facendosi mordere da un aspide, si fece portare due coppe di birra: una per se e una per il dio Osiride.

[modifica] Cosmetici

Gli antichi egizi producevano artificialmente sostanze da utilizzare per preparare cosmetici con proprietà terapeutiche.

[modifica] Cucchiai

Gli antichi egizi usavano cucchiai di diversi materiali (avorio, legna e pietra) spesso scolpiti in forme artistiche e decorati con simboli religiosi incisi.

[modifica] LETTERA D

[modifica] Dentisti

Nell’antico Egitto i dentisti eseguivano lavori di protesi dentarie, otturavano i denti con resine e con la crisocolla e fissavano quelli sostitutivi con legamenti metallici.

[modifica] Divinità

Tra le divinità egizie troviamo: Ammon, Anubi, Apofi, Aton, Horus, Iside, Osiride, Ptah, Ra, Seth e Thot.

[modifica] LETTERA F

[modifica] Faraoni

1) Il primo faraone d’Egitto fu Menes (vissuto nel 32° secolo a.C.) che fu incoronato verso il 3150 a.C..
2) L’Egitto ha avuto anche faraoni donne e cioè: Merneith, Nitocris, Nefrusobek, Hatshepsut e Tausert. A queste, alcuni studiosi aggiungono anche Neithhotep.
3) I faraoni non mostravano mai i loro capelli in pubblico, ma li nascondevano sotto il nemes (copricapo di stoffa decorato con strisce blu e oro) che simboleggiava la natura divina del faraone stesso.

[modifica] Faro di Alessandria

1) Il faro di Alessandria d’Egitto, una delle Sette Meraviglie del mondo, inaugurato sotto Tolomeo Filadelfo, fu opera di Sostrato di Cnido. Si trattava di una torre (costruita su un isolotto) alta ben 120 metri, sulla cui sommità era acceso un fuoco la cui luce, riflessa da specchi concavi di metallo, era proiettata ad oltre 50 Km di distanza.
2) Da alcuni testi antichi, risulta che sul faro di Alessandria era stato piazzato uno specchio che consentiva di vedere le navi in avvicinamento benché fossero lontane ancora parecchie miglia.

[modifica] Finocchi

Gli antichi egizi apprezzavano molto i finocchi per le loro proprietà digestive ed anticolitiche oltre che per il loro piacevole aroma.

[modifica] LETTERA G

[modifica] Geroglifici

I geroglifici sono stati decifrati grazie ad una stele rinvenuta da Pierre-Francois Bouchard a Rosetta (in egiziano Rashid) il 15 luglio 1799.

[modifica] Ginepro

Spesso gli egizi, per dare più profumo ai loro piatti, aggiungevano qualche bacca di ginepro. A tal proposito ricordiamo che nel Papiro di Ebers, risalente al XVI secolo a.C., il ginepro è citato spesse volte per le sue proprietà aromatizzanti e terapeutiche.

[modifica] Giocattoli

Dall’antico sono pervenuti a noi vari giocattoli tra i quali un gatto con una mascella mobile che chiude e spalanca le fauci.

[modifica] Giorno

Gli antichi egizi dividevano il giorno in 24 ore, ma la lunghezza delle ore variava in base alle stagioni.

[modifica] Guardie

Nella guardia personale del Faraone Ramsete II, che regnò dal 1279 a.C. al 1212 a.C., c’erano anche mercenari provenienti dalla Sardegna i quali erano armati di lunghe spade e avevano elmi ornati di corna.

[modifica] LETTERA H

[modifica] Horus

Horus, figlio di Osiride ed Iside, era una divinità egizia dall’aspetto di falco che illuminava il cielo con i suoi occhi (uno simbolo del sole e l’altro della luna).

[modifica] LETTERA I

[modifica] Ibis

L’ibis era l’animale sacro ad Thot, il dio della saggezza.

[modifica] Imhotep

Imhotep era un sacerdote egizio, astronomo, architetto di templi e piramidi, poeta e medico dalle eccezionali qualità vissuto intorno al 2700 a.C..

[modifica] Inno al Sole

Inno al Sole è un poema egizio attribuito al faraone Akhenaton.

[modifica] Iside

Iside, sorella e sposa di Osiride (una delle massime divinità egizie) era la maggiore divinità femminile degli egizi ed era venerata come dea della maternità, fertilità e della magia.

[modifica] LETTERA K

[modifica] Khnum

Khnum era una divinità venerata dagli egizi; ritenuto protettore delle sorgenti del Nilo e della potenza che creava le inondazioni, era raffigurato con il corpo di uomo e la testa di ariete. Si credeva, inoltre, che egli con l’argilla fabbricasse i corpi dei bimbi e poi li mettesse nel ventre delle future mamme

[modifica] LETTERA L

[modifica] Lenticchie

Per il loro alto potere nutritivo, gli egizi avevano inserito le lenticchie nelle razioni dei soldati.

[modifica] Libro dei morti

Il libro dei morti era antico testo funerario egizio con formule magiche, utilizzato stabilmente dal XVI secolo a.C. fino alla metà del I secolo a.C., che veniva sempre sepolto insieme al defunto per averlo con se o veniva direttamente disegnato all'interno del sarcofago.

[modifica] Liquirizia

Gli antichi egizi già usavano la liquirizia a scopo terapeutico e per le sue virtù dissetanti. Nella tomba del faraone Tutankhamon fu rinvenuta anche una bella provvista di radici di questa pianta.

[modifica] Loto

Il loto nell’antico Egitto era ritenuto il fiore sacro alla dea Iside.

[modifica] Lupini

Gli antichi egizi coltivavano i lupini, i cui semi sono stati trovati all’interno delle piramidi.

[modifica] LETTERA M

[modifica] Maat

Maat era la dea egizia della verità, della giustizia e dell’ordine cosmico. Essa era rappresentata come una giovane donna con in testa una penna di struzzo.

[modifica] Màstaba

La màstaba era un antico monumento funebre egiziano, in genere di pietra, a forma di cono di piramide, con un pozzo, una falsa porta e un nascondiglio per la statua del defunto.

[modifica] Mau

Il Mau era un gatto sacro agli egizi. In ogni casa se ne teneva uno, anche se bisogna dire che il rispetto verso di lui era dovuto al fatto che questo felino era un alleato prezioso contro parassiti e rettili velenosi, tipo il cobra.

[modifica] Medici

Nell’antico Egitto, per “aver guarito le narici del Faraone” al medico Sekhet’enanach fu concesso l’onore di essere raffigurato in una statua.

[modifica] Mehen

- Mehen era un dio serpente che proteggeva Ra, il dio del Sole.
- Il Mehen era un passatempo in uso nell’Egitto dei faraoni. Si chiamava “mehen” (come un dio serpente colà venerato) perché il percorso aveva la forma di un rettile arrotolato, con le squame che fungevano da caselle. L’itinerario alludeva ad un viaggio iniziatico … praticamente il “mehen” può essere considerato l’antenato del “gioco dell’oca”.

[modifica] Menes

Menes, vissuto intorno al 3000 a.C., fu il primo re dell’Egitto.

[modifica] Mummie

1) Gli antichi egizi quando imbalsamavano i cadaveri, toglievano le viscere dalla salma e le imbalsamavano a parte riponendole, poi, in quattro vasi, detti “canopi”, che riproducevano la testa di un uomo, uno sciacallo, un falco e un babbuino.
2) In Egitto per imbalsamare una salma occorrevano quaranta giorni, come confermato anche dalla Bibbia dove si dice che quaranta furono i giorni necessari per imbalsamare il corpo di Giacobbe (testualmente “Poi Giuseppe ordinò ai suoi medici di imbalsamare suo padre. I medici imbalsamarono Israele e vi impiegarono quaranta giorni, perché tanti ne occorrono per l'imbalsamazione”)

[modifica] LETTERA N

[modifica] Nani

Nell’antico Egitto i nani erano associati ad una visione positiva della vita e della religione. A dimostrazione di ciò basta ricordare che il dio Bes, rappresentato come un nano, era il protettore della casa e della famiglia, particolarmente di mamme e bambini.

[modifica] Nefertari

La regina Nefertari (Panopoli, 1295 a.C. – Abu Simbel, 1255 a.C.), la “grande sposa reale” del faraone Ramses II, oltre che una grande bellezza, è ricordata per le sue capacità diplomatiche e per la capacità di leggere e scrivere i geroglifici (cosa molto rara ai suoi tempi).<br /

[modifica] Nefertiti

Nefertiti, la conosciutissima regina dell’antico Egitto vissuta nel XIV secolo, era la moglie del faraone Amenofi IV. Fu lei che promosse il culto del dio Aton.

[modifica] LETTERA O

[modifica] Osiride

Osiride era il dio egizio dell’oltretomba. Molto amato dagli uomini perché aveva insegnato loro l’agricoltura e la fabbricazione del vino, fu ucciso per gelosia dal fratello Seth, dio del caos e della distruzione.

[modifica] LETTERA P

[modifica] Pane

- Gli antichi egizi già consumavano il pane lievitato.
- Per ottenere il pane più soffice e fragrante, già nel 3500 a.C. gli antichi egizi scoprirono la fermentazione dell’impasto per la sua preparazione.

[modifica] Piaghe d'Egitto

Le dieci piaghe d’Egitto furono calamità mandate da Dio per punire gli egiziani che si opponevano alla partenza degli ebrei. Esse furono:
- acqua mutata in sangue;
- rane;
- zanzare;
- mosche velenose;
- moria di bestiame;
- ulcere;
- grandine;
- locuste;
- tenebre;
- morte di tutti i primogeniti.

[modifica] Piramidi

Durante i lavori per edificare la Piramide di Cheope, furono spesi ben 1.600 talenti d’argento in cipolle, agli e rafani di cui si nutrivano gli operai. La notizia ci è riportata da Erodoto.

[modifica] Protesi

Nella necropoli di Tebe in Egitto, è stata trovata una mummia che ha un alluce di legno, intagliato a mano, a dimostrazione che già tremila anni fa gli egizi realizzavano le protesi.

[modifica] Ptah

Ptah era il dio egizio protettore di tutti gli artisti (scultori, architetti e pittori) e degli artigiani.

[modifica] LETTERA R

[modifica] Raccolti

Da stime di esperti studiosi, nell’antico Egitto annualmente venivano raccolti 2 milioni di tonnellate di legumi e cerali, per una media di 500 chilogrammi per abitante.

[modifica] Ra

Il dio egiziano del sole si chiamava Ra

[modifica] Ricette

Le ricette mediche dell’antico Egitto erano molto dettagliate e precise. Come indicato nei vari papiri pervenuti, esse, oltre ad indicare le tecniche di lavorazione e gli ingredienti necessari per la preparazione del farmaco, specificavano le modalità di somministrazione (indicando se via orale, unguenti, colliri, infusioni o altro ancora), e precisavano l’età del paziente, la durata del trattamento, la stagione di utilizzo, e arrivavano perfino puntualizzare l’ora ed il giorno in cui il farmaco doveva essere somministrato. A volte era indicata anche quale era la temperatura del medicinale al momento del suo utilizzo.

[modifica] Rimedi

Per tenere lontani i topi dai tessuti, gli antichi egizi li spalmavano di grasso di gatto.

[modifica] Rosso

Nell’antico Egitto il colore rosso era abbinato alla malvagità. Per questo motivo su alcuni papiri i nomi delle divinità maligne erano scritti in rosso ed inoltre i cani dal colore fulvo erano tenuti lontani dai centri abitati perché il loro colore riportava alla mente l’idea della malvagità e dell’aggressività.

[modifica] LETTERA S

[modifica] Salame

Il salame era una pietanza usata già dagli egizi. A tal proposito ricordiamo che a Tebe, nella tomba del faraone Ramses III (risalente al 1165 a.C.) è stata trovata traccia di un salume e il dipinto di una serie di salami.

[modifica] Sanakht

Da studi effettuati sui suoi resti rinvenuti in un tomba si è giunti alla conclusione che il faraone Sanakht (morto il 2715 a.C.) era alto 1,98 m..

[modifica] Sanguisughe

Gli antichi egizi già utilizzavano le sanguisughe a scopo terapeutico.

[modifica] Sarcofagi

Gli egizi per fabbricare i sarcofagi usavano il legno ricavato dagli alberi di sicomoro.

[modifica] Scarabeo

Lo scarabeo (chiamato kheperer, termine simile a quello del dio Khepri, divinità solare) era venerato nell’antico Egitto come simbolo di resurrezione ed era collegato al culto del Sole.

[modifica] Schiavitù

Ai tempi di Cheope (2560 a.C. circa) in Egitto la schiavitù era poco diffusa. Il faraone per costruire la sua famosa piramide impiegò manodopera assunta su base volontaria e regolarmente compensata con viveri (pane, pesce, cereali, legumi,cipolle, birra), vestiario e casa.

[modifica] Sciacallo

Lo sciacallo era l’animale sacro ad Anubi, dio dei morti.

[modifica] Sciopero

I primi scioperi della Storia si ebbero nell'antico Egitto, ai tempi di Ramsete II (XIII secolo a.C.).
Ad incrociare le braccia furono gli operai che costruivano le tombe reali per protestare contro il ritardo dei viveri e soprattutto degli unguenti per proteggersi dai raggi del sole.

[modifica] Scrittura

Gli Egizi inventarono tre tipi di scrittura:
- la demotica, usata per i documenti scritti dai funzionari e quindi per testi amministrativi e legali;
- la geroglifica, che si incideva sulla pietra ed era usata per testi molto importanti;
- la ieratica, che era dedicata ai testi religiosi.

[modifica] Sekhmet

Nella mitologia egizia, Sekhmet (colei che è potente), aveva la testa di leone ed era la divinità femminile della guerra e della guarigione. I faraoni la ritenevano anche simbolo del coraggio in battaglia.
Sekhmet, inoltre, incarnava il potere distruttivo del Sole e, con il suo alito di fuoco, aveva creato il deserto. La dea, però, aveva anche un aspetto benigno e da questo punto di vista era considerata la protettrice dei medici.

[modifica] Seth

Seth era il dio egizio del caos, della distruzione, della violenza e della malvagità ed era raffigurato come un uomo con testa di animale.

[modifica] Seti I

Il 16 ottobre 1817 l’archeologo Giovanni Battista Belzoni scopre In Egitto la tomba del faraone Seti I (morto il 30 maggio 1279 a.C.).

[modifica] Specchi

Già prima dei greci, gli antichi egizi fabbricavano specchi costituiti da un disco metallico con superficie convessa.

[modifica] Stele di Rosetta

La Stele di Rosetta, la lastra pesante circa 760 Kg riportante una iscrizione in tre diverse lingue (geroglifico, demotico e greco) e che servì a decifrare i geroglifici, fu trovata il 15.7.1799 a Rosetta, città situata sul delta del Nilo, durante la campagna di Napoleone in Egitto.

[modifica] LETTERA T

[modifica] Tebe

Tebe, la più grande e famosa città dell’antico Egitto, da Omero fu detta la città dalle cento porte.

[modifica] Terra dei profumi

Gli antichi egizi chiamavano Terra dei Profumi la zona corrispondente all’attuale Somalia per la grande produzione di incenso e mirra.

[modifica] Thot

Thot, il dio egiziano della saggezza, era raffigurato come un babbuino o, più di frequente, come un ibis.

[modifica] Trucco

1) Le donne dell’antico Egitto usavano già il "rimmel". Esse, infattì, si truccavano gli occhi con un prodotto a base e malachite, antimonio e polvere di piombo chiamato “kohl”.
Questo prodotto, secondo la credenza, oltre a renderle più belle, serviva ad allontanare da loro pericoli e disgrazie.
2) Le donne egiziane usavano decorare il proprio corpo con tatuaggi ottenuti iniettando sotto pelle una mistura di olio e fuliggine.

[modifica] Tutankhamon

La maschera del faraone Tutankhamon, ritrovata nella Valle dei Re, pesa 11 chilogrammi, è in oro massiccio ed è intarsiata di ceramica, cornalina, feldspato verde, lapislazzuli, quarzo e turchese.

[modifica] LETTERA V

[modifica] Verbena

La verbena, pianta perenne, era sacra alla dea Iside.

[modifica] LETTERA Z

[modifica] Zafferano

Nell’antico Egitto, i medici usavano lo zafferano per curare ogni tipo di disturbo gastro-intestinale.
Di esso si ha notizia già nel Papiro di Ebers, risalente al 1550 a.C.


[modifica] CRONOLOGIA EGIZIA

30 maggio 1279 a.C.: Muore il faraone Seti I.

15 luglio 1799: A Rosetta, in Egitto, viene ritrovata la lastra pesante circa 760 Kg (la famosa Stele di Rosetta), riportante una iscrizione in tre diverse lingue (geroglifico, demotico e greco) e che servì a decifrare i geroglifici.

16 ottobre 1817: L’archeologo Giovanni Battista Belzoni scopre In Egitto la tomba del faraone Seti I;


Torna a Curiosità del Mondo antico oppure vai a Curiosità sui personaggi

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti