Proverbi pagina 3

Da Cap2.
(Differenze fra le revisioni)
(21 revisioni intermedie di un utente non mostrate)
Riga 6: Riga 6:
  
  
 +
 +
- Chi nega la propria colpa, sbaglia doppiamente.<br />
 +
- Chi non fa non sbaglia.<br />
 +
- Chi non ha buona memoria, deve avere buone gambe.<br />
 +
- Chi non ha debito è ricco. <br />
 +
- Chi non ha guai se li cerca.<br />
 +
- Chi non ha meriti propri non può criticare l’altrui manchevolezza.<br />
 +
- Chi non intende la propria scrittura è un asino di natura. <br />
 +
- Chi non mangia ha già mangiato. <br />
 +
- Chi non parla sembra che approvi.<br />
 +
- Chi non può comandare è servo.<br />
 +
- Chi non può nuocere, minaccia.<br />
 +
- Chi non sa dove andare ogni strada può fare. <br />
 +
- Chi non sa parlare taccia. <br />
 +
- Chi non semina non raccoglie.<br />
 +
- Chi non stima la vita non la merita. <br />
 +
- Chi non vuole il fuoco levi la legna. <br />
 +
- Chi non vuole intendere con le orecchie, intenderà con la schiena. <br />
 +
- Chi paga debito fa capitale. <br />
 +
- Chi parla poco, dice tanto. <br />
 +
- Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia. <br />
 +
- Chi poco pensa troppo erra.<br />
 +
- Chi predica ai sordi, spreca il sermone.<br />
 +
- Chi prende si vende.<br />
 +
- Chi presta, perde.<br />
 +
- Chi presto parla, poco sa.<br />
 +
 +
- Chi riceve favori diventa schiavo di colui che li concede. <br />
 +
 +
- Chi rompe paga ed i cocci sono suoi.<br />
 +
 +
- Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera. <br />
 +
 +
- Chi s’arrabbia in fretta in fretta si calma.<br />
  
 
- Chi si contenta gode.<br />
 
- Chi si contenta gode.<br />
 +
- Chi s’è guastato lo stomaco, loda la moderazione.<br />
 +
- Chi sa dare sa ricevere.<br />
 +
- Chi sa soffrire, sa vincere. <br />
  
 +
- Chi segue il prudente non se ne pente. <br />
 +
 +
- Chi semina vento raccoglie tempesta.<br />
 +
 +
- Chi si affanna di ora in ora la salute deteriora.<br />
 +
- Chi si contenta del poco trova posto in ogni loco. <br />
 
- Chi si fa i fatti suoi campa cent’anni. <br />
 
- Chi si fa i fatti suoi campa cent’anni. <br />
  
Riga 14: Riga 57:
  
 
- Chi si mette tra la paglia e il fuoco, non si lagni se poi si brucia.<br />
 
- Chi si mette tra la paglia e il fuoco, non si lagni se poi si brucia.<br />
 
+
- Chi soffrire non vuole contrasti e pene, non vada a troppe feste, pranzi o cene.<br />
 
- Chi sogna continuamente dimentica come si vive. <br />
 
- Chi sogna continuamente dimentica come si vive. <br />
  
 
- Chi spera ha una possibilità in più di chi dispera.<br />
 
- Chi spera ha una possibilità in più di chi dispera.<br />
 
 
- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.<br />
 
- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.<br />
  
Riga 26: Riga 68:
  
 
- Chi tira troppo rompe la corda.<br />
 
- Chi tira troppo rompe la corda.<br />
 
+
- Chi troppi doni prende la libertà si vende.<br />
 
- Chi troppo si fida, spesso grida. <br />
 
- Chi troppo si fida, spesso grida. <br />
  
Riga 59: Riga 101:
 
- Chiedi di più per avere il giusto. <br />  
 
- Chiedi di più per avere il giusto. <br />  
 
- Chiodo schiaccia chiodo. <br />
 
- Chiodo schiaccia chiodo. <br />
 +
- Ci sono certe cose in cui una donna vede con più acume di cento uomini. <br />
 
- Cielo a pecorelle acqua a catinelle. <br />
 
- Cielo a pecorelle acqua a catinelle. <br />
 
- Ciò che è fatto è reso.<br />
 
- Ciò che è fatto è reso.<br />
Riga 66: Riga 109:
 
- Col tempo una verità dolorosa torna più utile di una bugia di comodo. <br />
 
- Col tempo una verità dolorosa torna più utile di una bugia di comodo. <br />
 
- Colpa e pena son gemelle.<br />
 
- Colpa e pena son gemelle.<br />
 
+
- Colui che troppo teme decide male. <br />
 
- Comanda e fai da te. <br />
 
- Comanda e fai da te. <br />
  
Riga 86: Riga 129:
  
 
- Con la pazienza si vince tutto.<br />
 
- Con la pazienza si vince tutto.<br />
 
+
- Con la sola farina non si fa il pane. <br />
 
- Con le buone maniere si ottiene tutto. <br />  
 
- Con le buone maniere si ottiene tutto. <br />  
  
Riga 114: Riga 157:
  
 
- Dal frutto si conosce l’albero.<br />
 
- Dal frutto si conosce l’albero.<br />
 
+
- Dal mal uso è vinta la ragione. <br />
 
- Dal sapere viene l’avere.<br />
 
- Dal sapere viene l’avere.<br />
  
Riga 121: Riga 164:
  
 
'''-''' Debito vuol dir credito.<br />
 
'''-''' Debito vuol dir credito.<br />
 
- Del senno di poi sono piene le fosse. <br />
 
 
'''-''' Delle pene d’amore si tribola e non si muore.<br />
 
 
- Denaro risparmiato, due volte guadagnato.<br />
 
 
- Di ogni azione disonesta, sempre l’infamia resta.  <br />
 
 
- Di stoppa non si fa velluto.<br />
 
 
- Dinnanzi al potente sii muto e compiacente. <br />
 
 
- Dio dà ad ogni uccello il suo verme, ma non glielo fa cadere nel nido. <br />
 
 
- Dio manda il freddo a seconda dei panni. <br />
 
 
- Dite poco, ma dite bene.<br />
 
 
- Dolce e amaro camminano insieme.<br />
 
 
- Domandare è già quasi sapere.<br />
 
 
- Donna perfetta, fortuna l’aspetta.<br />
 
 
- Donna modesta, famiglia onesta.<br />
 
 
- Donne belle e pretenziose, molte spine e poche rose.  <br />
 
 
- Donne, giuoco e cognac portano al patatrac. <br />
 
- Dove entra la fortuna, non tarda a bussare l’invidia. <br />
 
 
- Dove manca libertà non c’è felicità.<br />
 
 
- Dove parla il denaro tace la ragione. <br />
 
 
- Dove regna la forza, il diritto fugge. <br />
 
 
- Dove tuonano i cannoni tacciono le leggi.<br />
 
 
- Dove va l’ago, va il filo. <br />
 
 
- È brutto quando i nervi sono padroni anziché servi. <br />
 
 
- È dal vino dolce che si ottiene l’aceto più aspro.<br />
 
- È dalle unghie che si conosce il leone. <br />
 
 
- È facile al sano dare consigli all’ammalato.<br />
 
 
- È meglio accendere una piccola candela che maledire l’oscurità. '''(Confucio)'''<br />
 
 
- È meglio esser uccel di bosco che uccel di gabbia.<br />
 
 
- È meglio non dire che dire cosa da nulla. <br />
 
 
- È meglio smarrire la strada che starsene al bivio.<br />
 
 
- È meglio stare zitti che essere frainteso.<br />
 
 
- È molto bello contemplare il mare in tempesta dal porto. <br />
 
 
- È più facile comandare un esercito che stare a capo di una famiglia.<br />
 
 
- È più facile comprare che pagare. <br />
 
 
- È più facile demolire che costruire. <br />
 
 
- È più facile governare un regno che una casa.<br />
 
 
- È più facile lagnarsi che rimuovere gli impedimenti. <br />
 
 
- È più facile scendere da una collina che scalarla. <br />
 
- È ricco chi non desidera. (detto proverbiale)<br />
 
- È un gran medico chi conosce il suo male. <br />
 
  
  

Versione delle 19:27, 18 apr 2021

I proverbi ... la saggezza popolare .... Vediamone un po' alcuni ... ovviamente quelli che riteniamo più simpatici e ... che riteniamo meritevoli di essere divulgati. In questa pagina riportiamo quelli italiani ... nelle pagine successive riporteremo quelli stranieri ... perchè la saggezza popolare è sempre saggezza ... in ogni tempo e in ogni luogo ....
Nella pagina ovviamente saranno inseriti anche quelli che vengono definiti "detti proverbiali".
I nostri autori provvederanno ad arricchire questa pagina (come ovviamente tutte le altre del sito)...
Si informa che i proverbi sono trascritti in ordine alfabetico
Ecco a voi la terza pagina dei proverbi italiani ... e non finisce qui.


- Chi nega la propria colpa, sbaglia doppiamente.
- Chi non fa non sbaglia.
- Chi non ha buona memoria, deve avere buone gambe.
- Chi non ha debito è ricco.
- Chi non ha guai se li cerca.
- Chi non ha meriti propri non può criticare l’altrui manchevolezza.
- Chi non intende la propria scrittura è un asino di natura.
- Chi non mangia ha già mangiato.
- Chi non parla sembra che approvi.
- Chi non può comandare è servo.
- Chi non può nuocere, minaccia.
- Chi non sa dove andare ogni strada può fare.
- Chi non sa parlare taccia.
- Chi non semina non raccoglie.
- Chi non stima la vita non la merita.
- Chi non vuole il fuoco levi la legna.
- Chi non vuole intendere con le orecchie, intenderà con la schiena.
- Chi paga debito fa capitale.
- Chi parla poco, dice tanto.
- Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia.
- Chi poco pensa troppo erra.
- Chi predica ai sordi, spreca il sermone.
- Chi prende si vende.
- Chi presta, perde.
- Chi presto parla, poco sa.

- Chi riceve favori diventa schiavo di colui che li concede.

- Chi rompe paga ed i cocci sono suoi.

- Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera.

- Chi s’arrabbia in fretta in fretta si calma.

- Chi si contenta gode.
- Chi s’è guastato lo stomaco, loda la moderazione.
- Chi sa dare sa ricevere.
- Chi sa soffrire, sa vincere.

- Chi segue il prudente non se ne pente.

- Chi semina vento raccoglie tempesta.

- Chi si affanna di ora in ora la salute deteriora.
- Chi si contenta del poco trova posto in ogni loco.
- Chi si fa i fatti suoi campa cent’anni.

- Chi si guarda, Dio lo guarda.

- Chi si mette tra la paglia e il fuoco, non si lagni se poi si brucia.
- Chi soffrire non vuole contrasti e pene, non vada a troppe feste, pranzi o cene.
- Chi sogna continuamente dimentica come si vive.

- Chi spera ha una possibilità in più di chi dispera.
- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.

- Chi tardi si pente, si pente invano.

- Chi ti accarezza la faccia, spesso ti graffia la schiena.

- Chi tira troppo rompe la corda.
- Chi troppi doni prende la libertà si vende.
- Chi troppo si fida, spesso grida.

- Chi troppo tira presto schianta.

- Chi trova piacere nel lavoro fatica molto meno.

- Chi trova un amico trova un tesoro.

- Chi va con il lupo impara a ululare.

- Chi va in mano all’avvocato, come un pollo viene spennato.

- Chi va per la cattiva strada deve sopportarne le conseguenze.

- Chi va piano va sano e va lontano.

- Chi va via perde il posto all’osteria.

- Chi vuole cambiare il mondo cominci a cambiare se stesso.

- Chi vuol la figlia, accarezzi la mamma.

- Chi vuole, ottiene.

- Chi vuole pesci, getti le reti.

- Chi vuole tela, semini lino.

- Chiedere non è peccato.

- Chiedi di più per avere il giusto.
- Chiodo schiaccia chiodo.
- Ci sono certe cose in cui una donna vede con più acume di cento uomini.
- Cielo a pecorelle acqua a catinelle.
- Ciò che è fatto è reso.
- Ciò che si dà vale meno del modo di dare.
- Col fuoco non si scherza.
- Col tempo una foglia di gelso diventa seta.
- Col tempo una verità dolorosa torna più utile di una bugia di comodo.
- Colpa e pena son gemelle.
- Colui che troppo teme decide male.
- Comanda e fai da te.

- Come fai ti sarà fatto.

- Come il tarlo consuma il legno, l’invidia consuma l’uomo.

- Come ti sei fatto il letto così ci dormi.

- Con fuoco e donne c’è poco da scherzare.

- Con il mare calmo sono tutti buoni timonieri.

- Con il morale fiacco male si va all’attacco.

- Con la fame, il pane duro si ammorbidisce!

- Con la farina altrui si fanno grosse pagnotte.

- Con la pazienza si vince tutto.
- Con la sola farina non si fa il pane.
- Con le buone maniere si ottiene tutto.

- Con le lacrime e i lamenti non si cura il mal di denti.

- Con le mani di un altro è pur facile toccare il fuoco.

- Con silenzio e pazienza si vince la maldicenza.

- Consiglio di vecchio non rompe mai la testa.

- Continuando a giurare si creano dubbi.

- Conto chiaro e onesto si controlla presto.

- Cortesia di adulatore poco tempo resta in fiore.

- Crudeltà consuma amore.

- Da cosa nasce cosa.

- Da una mano sola non si attendono applausi.

- Dai discorsi si nota se una persona è vuota.

- Dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici mi guardo io.

- Dal frutto si conosce l’albero.
- Dal mal uso è vinta la ragione.
- Dal sapere viene l’avere.

- Dall’asino non cercar la lana.
- Debiti e miseria sono vicini di casa.

- Debito vuol dir credito.



Torna a Proverbi pagina 2 oppure vai a Proverbi pagina 4

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti