Proverbi pagina 2

Da Cap2.
(Differenze fra le revisioni)
Riga 8: Riga 8:
  
  
 +
- Chi spera ha una possibilità in più di chi dispera.<br />
  
 
- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.<br />
 
- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.<br />
Riga 303: Riga 304:
  
 
- L’allegria del povero è l’invidia del ricco.<br />
 
- L’allegria del povero è l’invidia del ricco.<br />
 
'''-''' L’amicizia è come la terra … deve essere coltivata.<br />
 
  
  

Versione delle 21:19, 15 ago 2019

I proverbi ... la saggezza popolare .... Vediamone un po' alcuni ... ovviamente quelli che riteniamo più simpatici e ... che riteniamo meritevoli di essere divulgati. In questa pagina riportiamo quelli italiani ... nelle pagine successive riporteremo quelli stranieri ... perchè la saggezza popolare è sempre saggezza ... in ogni tempo e in ogni luogo ....
I nostri autori provvederanno ad arricchire questa pagina (come ovviamente tutte le altre del sito)...

Si informa che i proverbi sono trascritti in ordine alfabetico

Ecco a voi la seconda pagina dei proverbi ... e non finisce qui.


- Chi spera ha una possibilità in più di chi dispera.

- Chi sta vicino alla cucina, mangia la minestra calda.

- Chi tardi si pente, si pente invano.

- Chi ti accarezza la faccia, spesso ti graffia la schiena.

- Chi tira troppo rompe la corda.

- Chi troppo si fida, spesso grida.

- Chi trova piacere nel lavoro fatica molto meno.

- Chi trova un amico trova un tesoro.

- Chi va in mano all’avvocato, come un pollo viene spennato.

- Chi va piano va sano e va lontano.

- Chi va via perde il posto all’osteria.

- Chi vuole, ottiene.

- Chi vuole pesci, getti le reti.

- Chi vuole tela, semini lino.

- Chiedere non è peccato.

- Chiodo schiaccia chiodo.

- Ciò che è fatto è reso.

- Ciò che si dà vale meno del modo di dare.

- Col tempo una foglia di gelso diventa seta.

- Col tempo una verità dolorosa torna più utile di una bugia di comodo.

- Colpa e pena son gemelle.

- Come fai ti sarà fatto.

- Come il tarlo consuma il legno, l’invidia consuma l’uomo.

- Come ti sei fatto il letto così ci dormi.

- Con fuoco e donne c’è poco da scherzare.

- Con la fame, il pane duro si ammorbidisce!

- Con la farina altrui si fanno grosse pagnotte.

- Con la pazienza si vince tutto.

- Con le buone maniere si ottiene tutto.

- Con le lacrime e i lamenti non si cura il mal di denti.

- Con le mani di un altro è pur facile toccare il fuoco.

- Con silenzio e pazienza si vince la maldicenza.

- Continuando a giurare si creano dubbi.

- Cortesia di adulatore poco tempo resta in fiore.

- Crudeltà consuma amore.

- Da cosa nasce cosa.

- Da una mano sola non si attendono applausi.

- Dai discorsi si nota se una persona è vuota.

- Dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici mi guardo io.

- Dal frutto si conosce l’albero.

- Dal sapere viene l’avere.

- Dall’asino non cercar la lana.

- Debito vuol dir credito.

- Delle pene d’amore si tribola e non si muore.

- Denaro risparmiato, due volte guadagnato.

- Di ogni azione disonesta, sempre l’infamia resta.

- Di stoppa non si fa velluto.

- Dinnanzi al potente sii muto e compiacente.

- Dio dà ad ogni uccello il suo verme, ma non glielo fa cadere nel nido.

- Dio manda il freddo a seconda dei panni.

- Dite poco, ma dite bene.

- Dolce e amaro camminano insieme.

- Donna perfetta, fortuna l’aspetta.

- Donna modesta, famiglia onesta.

- Donne belle e pretenziose, molte spine e poche rose.

- Domandare è già quasi sapere.

- Dove manca libertà non c’è felicità.

- Dove parla il denaro tace la ragione.

- Dove tuonano i cannoni tacciono le leggi.

- Dove va l’ago, va il filo.

- È brutto quando i nervi sono padroni anziché servi.

- È dal vino dolce che si ottiene l’aceto più aspro.

- È facile al sano dare consigli all’ammalato.

- È meglio non dire che dire cosa da nulla.

- È meglio smarrire la strada che starsene al bivio.

- È meglio stare zitti che essere frainteso.

- È molto bello contemplare il mare in tempesta dal porto.

- È più facile comandare un esercito che stare a capo di una famiglia.

- È più facile comprare che pagare.

- È più facile demolire che costruire.

- È più facile governare un regno che una casa.

- È più facile lagnarsi che rimuovere gli impedimenti.

- È più facile scendere da una collina che scalarla.

- Esempi e benefici fanno gli amici.

- Fa le cose a tempo e le avrai nel bisogno.

- Figlie da maritare, fastidiose da governare.

- Foglie nuove non nascono se le vecchie non cascano.

- Gallina vecchia fa buon brodo.

- Gatta inguantata non prese mai topo.

- Gente allegra il ciel l’aiuta.

- Gioia pura lunga gioia, gioia peccaminosa lungo dolore.

- Gioco di mano gioco da villano.

- Giovane è chi ha salute e ricco è chi non ha debiti.

- Gli amici valgono più del denaro.

- Gli anni portano il senno.

- Gli errori dei dottori li ricopre la terra.

- Gli sbagli si pagano.

- I caldi sogni del poveraccio restano di solito tutti all’addiaccio.

- I campi sulla riva hanno brutta prospettiva.

- I danari stan sempre con la berretta in mano.

- I migliori amori sono gli ultimi.

- I peccati di gioventù si piangono in vecchiaia.

- I piccoli regali cementano l’amicizia.

- I più tirano i meno.

- I soldi non comprano ciò che non è in vendita.

- I veri amici sono come le mosche bianche.

- Il bene non è conosciuto se non è perduto.

- Il bene non fa rumore e il rumore non fa bene.

- Il bisogno fa conoscere gli amici.

- Il bravo scolaro raggiunge presto il suo maestro.

- Il brutto vaso non si rompe.
- Il cane di due padroni rimane senza cibo.

- Il cane vecchio non abbaia invano.

- Il carbone o tinge o scotta.

- Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.

- Il dolore è come l’acqua: o lava o affoga.

- Il dolore è grande maestro.

- Il dotto molto pensa poco parla; non pensa l’ignorante, sempre parla.

- Il fumo dell’arrosto non riempie la pancia.

- Il fuoco divoratore rende migliore l’annata.

- Il gioco è guerra.

- Il lavoro scaccia tutti i cattivi pensieri.

- Il leone ebbe bisogno del topo.

- Il male degli altri non guarisce il proprio.

- Il maldicente è peggiore del serpente.

- Il meglio è nemico del bene.

- Il miglior rimedio per la collera è il tempo.

- Il non dare risposta è già di per se una risposta.

- Il peggio non è mai morto.

- Il peggior passo è quello dell’uscio.

- Il pigro si definisce prudente e l’avaro economo.

- Il povero non ha credito.

- Il ramo del gelso va piegato quando è giovane.

- Il ramo somiglia al tronco.

- Il riso fa buon sangue.

- Il risparmio di tempo è risparmio di denaro.

- Il risparmio piccolo fa la casa grande.

- Il sacco vuoto non si regge in piedi.

- Il silenzio è d’oro.

- Il sole brilla per tutti.

- Il tempo da e toglie.

- Il tempo divora le pietre.

- Il tempo non aspetta nessuno.

- Il tempo tutto cancella.

- Il troppo sognare è di ostacolo al fare.

- Il troppo stroppia.

- Il ventre pieno rende la testa vuota.

- Il vino nel sasso ed il popone nel terreno grasso.

- Impara l’arte e mettila da parte.

- Impara piangendo e riderai guadagnando.

- In casa d’altri loda tutti.

- In mancanza di cavalli, trottano gli asini.

- In ogni cosa c’è un ma.

- In ogni mestiere occorre sapere.

- In tutto ci vuole misura.

- L’abitudine alleggerisce la fatica.

- L’acqua cheta rovina i ponti.

- L’albero non cade mai al primo colpo.

- L’allegria del povero è l’invidia del ricco.




Torna a Proverbi oppure vai a Proverbi pagina 3

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti