Curiosita' del mondo C

Da Cap2.
Versione delle 21:57, 20 apr 2019, autore: Anonimo olevanese (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

CURIOSITA' DAL MONDO - Lettera C


Indice

Cacao

Gli aztechi chiamano il cacao “cibo degli dei”.

Caccavella

La caccavella, oltre che la dialettale pentola, è anche una specie di tamburo della musica folcloristica della Campania.

Cacerolazo

Il cacerolazo è la manifestazione spontanea di protesta durante la quale vengono percossi pendole e utensili da cucina.

Cacciatore di teste

Se qualcuno conosce un “cacciatore di teste”, non sta parlando di un bounty killer; oggigiorno nel mondo delle aziende per “cacciatore di teste” si intende un professionista specializzato nella ricerca di personale altamente qualificato.

Caditoia

La caditoia era l’apertura nelle mura dei castelli medioevali dalle quali si gettavano i sassi e l’olio bollente sugli assedianti.

Cagliostro

Cagliostro, il famoso avventuriero e negromante, sosteneva che ( in una vita passata) era stato egli ad uccidere Pompeo nel 44 a.C. per ordine del re egiziano Tolomeo XIII.

Cagnaccio

Se qualcuno vi dice che quando va al mare ha paura del cagnaccio … forse non sta scherzando, ma in fondo si sbaglia.
Il cagnaccio o squalo feroce (Odontaspis ferox) è uno squalo dalla notevole stazza e con circa 100 denti affilati che vive anche nel Mediterraneo, ma è del tutto inoffensivo per l’uomo dal quale si lascia anche avvicinare con docilità.

Calcio

La prima vittoria della nazionale di calcio italiana su quella inglese avvenne il 14 novembre 1973 allo stadio Wembley di Londra.

Calcioni

I "Calcioni molisani" sono una specie di ravioli fritti il cui ripieno è a base di ricotta con prosciutto, scamorza e uovo.

Calendario cinese

Secondo il calendario cinese il 2018 (anno che va dal 16 febbraio 2018 al 4 febbraio 2019) è l’anno del “cane”.

Calendario copto

Il calendario copto (o alessandrino) fa cominciare l’anno dal 29 agosto (data di introduzione in Egitto del calendario romano).
Esso è utilizzato dalla Chiesa copta ortodossa in Egitto e in Etiopia ed inizia a contare gli anni dal 284, anno in cui fu proclamato imperatore Diocleziano.

Calimero

La mamma di Calimero, il pulcino nero divenuto famoso per una pubblicità in Carosello, si chiama Cesira.

Camarilla

Con “camarilla”, termine di origine spagnola, si intende un gruppo di persone che, senza alcun merito riso conosciuto, ha un’influenza occulta sul governo.

Camelia

La camelia, il fiore simbolo di raffinatezza e perfezione, è detta “Rosa del Giappone”.

Camerlengo

Il camerlengo è il cardinale che quando muore un Papa ha il compito di presiedere la sede vacante.

Campane

L’uso delle campane nelle chiese fu introdotto da San Paolino di Nola.

Canottiera

Se qualcuno vi dice che per ripararsi la testa vuol mettersi una canottiera … non vi sta prendendo in giro. La canottiera, infatti, è un tipo di cappello (precisamente una paglietta) così chiamato perché indossato da coloro che si dedicavano al canottaggio.

Caramella

La caramella, oltre che un dolciume, è anche un tipo di lente utilizzata per correggere o migliorare la vista di un solo occhio.

Caravella portoghese

Se vi parlano della pericolosità della caravella portoghese … non vi stanno prendendo in giro.
La caravella portoghese, infatti, è un sinoforo, somigliante molto alla medusa, che vive nei mari caldi e, raramente, è stato avvistato anche nel Mediterraneo. Si tratta, in verità, di un aggregato di 4 tipi di polipi reciprocamente dipendenti per la sua esistenza.
Emette circa 10 specie di veleni, pericolosi anche per l’uomo. I suoi tentacoli urticanti, infatti, possono provocare la paralisi e persino l’arresto cardiaco.

Carciofo

- I carciofi sono sempre stati ritenuti una prelibatezza. Nel Seicento, Nicolas De La Framboisière, medico di Luigi XIII re di Francia, parlando di questi ortaggi scriveva: “Stimolano l’appetito e sono tanto apprezzati per la bontà. Non si prepara un sontuoso banchetto senza di essi”.
- Per la prelibatezza, la bellezza e il suo grande utilizzo, Carlo di Borbone, re di Napoli nel XVII secolo, definì il carciofo “Re dell’orto”.
- In un banchetto offerto a Papa Innocenzo XII il 22 aprile 1697furono cucinati 3400 (tremilaquattrocento) carciofi.

Carote

Per la gioia di chi fa una dieta, ricordiamo che le carote non contengono grassi.

Carotiere

Se vi parlano di carotiere, non pensate subito alla cucina. Il carotiere, infatti, è uno strumento costituito da un tubo metallico usato per estrarre dal sottosuolo campioni cilindrici di roccia, che per la loro forma somigliano a gigantesche carote (da cui il nome).

Carri Armati

I carri armati furono impiegati dagli inglesi (peraltro senza molto successo) nel 1916, nella Battaglia della Somme.

Carta

Per produrre la prima carta circa duemila anni fa, i cinesi usavano la corteccia di gelso ( ma anche di altre piante), residui di canapa e vecchi stracci.

Carta musica

A dispetto del nome, la “carta musica” (o carta da musica) non ha niente a che fare con la musica, ma si tratta di una specie di pane della Sardegna caratterizzato dal fatto di essere molto sottile.

Casa del Diavolo

Se vi trovate a Casa del Diavolo, non vi spaventate … a dispetto del nome, Casa del Diavolo è una deliziosa località in provincia di Perugia.

Castagne

Le castagne, oltre che i dolci frutti autunnali, sono piccole formazioni cornee poste sopra le ginocchia e sotto i garretti dei cavalli. Sono dette anche castagnette o unghielle.

Cattivello

Il ”cattivello” non è solo un bambino un po' discolo, ma anche l’anello di ferro cui è attaccato il battaglio della campana.
Detto anello fu detto “cattivello” perché “tiene prigioniero” il battaglio (ed in latino prigioniero si traduce “captivus”).

Cavallette

Nel 1988, uno sciame di cavallette proveniente dall’Africa, invase l’Arabia Saudita per più di 500 Chilometri.

Cavia

I popoli andini avevano addomesticato la cavia e la usavano come cibo, ma anche in alcuni riti religiosi.

Cavolini di Bruxelles

Anche se si potrebbe credere il contrario, i cosiddetti “Cavolini di Bruxelles” non sono originari del Belgio, ma furono portati là dai legionari di Giulio Cesare.

Cazzilli

I cazzilli palermitani, a dispetto di quanto potrebbe lasciare intendere il nome, non sono altro che normali crocchette di patate.

Cecchino

Il termine “cecchino” oggi indica un tiratore scelto in genere (per lo più nascosto). Esso, però, fu coniato durante la prima guerra mondiale dai nostri soldati e serviva ad indicare i tiratori scelti austriaci.
Il termine derivava da “Cecco”, il nomignolo affibbiato all’imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe.

Celti

Da una notizia riportata dallo storico Polibio, sappiamo che i Celti usavano spade di ferro dolce. Queste spade si piegavano ad ogni colpo e pertanto dovevano essere raddrizzate di continuo. I Celti le risistemavano schiacciandole a terra con un piede.

Cenci

Se qualcuno vi invita a casa per gustare dei cenci, non pensate che vi stia prendendo in giro. I “cenci”, infatti, sono tipici dolcetti tradizionali che si preparano in Toscana a Carnevale.


Chantilly

La crema Chantilly prende il nome dal Castello Chantilly (nord Francia) e fu inventata dal pasticciere Francois Vatel nel 1671.

Chiacchiere

Se qualcuno vi dice che intende farvi gustare delle deliziose chiacchiere … non è certo il caso di cominciare a preoccuparsi, tutt’altro.
Le chiacchiere, infatti, sono tipici dolci italiani del periodo di Carnevale che assumono nomi diversi nelle varie regioni (bugie, cenci, frappole, ecc.).

Chiese

Le cosiddette “Sette chiese” di Roma che i pellegrini erano tenuti a visitare durante il giubileo erano:
1) San Pietro;
2) San Paolo fuori le Mura;
3) San Giovanni in Laterano
4) Santa Croce in Gerusalemme;
5) San Lorenzo fuori le Mura;
6) San Sebastiano fuori le Mura;
7) Santa Maria Maggiore.


Chioma di Berenice

La “Chioma di Berenice” non è un tipo di capigliatura femminile, ma, oltre che la bellissima elegia di Callimaco, è una costellazione boreale.

Chocolatl

Dalle cronache antiche si sa che una delle bevande preferite dagli Aztechi era il “chocolatl”, bevanda preparata con cacao, vaniglia ed altre spezie. Si tramanda che l’imperatore Montezuma ne bevesse fino a 50 tazze al giorno.

Ciabatta

Se qualcuno vi dice che gli piacciono le ciabatte … beh! Non è detto che sia un pantofolaio. Ciabatta, infatti, oltre che la calzatura, è anche il nome di un pane croccante di forma allungata e schiacciata.

Cin cin

L’espressione rituale “cin cin” che si usa nei brindisi deriva dalla formula di cortesia cinese “”ch’ing ch’ing” (prego prego) e fu portata in Europa dagli inglesi.

Ciao

“Ciao”, il saluto amichevole e informale che si scambia tra amici e conoscenti, in origine significava “sono schiavo tuo” (dalla voce veneta “s-ciao” o “s-ciavo” cioè “(sono vostro) schiavo”.

Ciliegio

Il ciliegio fu introdotto in Italia da Lucullo al ritorno da una campagna militare nel Ponto (Asia Minore) da lui condotta nel I secolo a.C..

Cioccolata

La cioccolata era consumata da alcune popolazioni americane già verso il 1900 a.C..

Ciociari

Gli abitanti del territorio che corrisponde più o meno alla provincia di Frosinone (denominata Ciociaria) erano detti Ciociari, per via delle “ciocie”, le loro antiche e caratteristiche calzature costituite da un pezzo di cuoio legato al piede da strisce, anch’esse di cuoio, che erano avvolte al polpaccio rivestito da una tela bianca.

Cipango

Cipango era il nome che aveva il Giappone anche nel XV secolo. Esso era stato adottato da Marco Polo nel “Milione” e derivava dal cinese “Ribenguo” (o “Jihpenkuo”) che significa “regno dell’origine il sole”.

Cipolle rosse

Le cipolle rosse furono portate in Italia dai Fenici nel VII secolo a.C..

Coccodrillo

1) Gli antichi, stando a quanto si legge in Apuleio, ritenevano che i coccodrilli non avessero la lingua;
2) Oltre che il temuto rettile, il coccodrillo è, nel gergo giornalistico, il necrologio di una persona illustre, ma ancora in vita, continuamente aggiornato e tenuto pronto per la bisogna.

Coccole

Se a qualcuno piacciono le coccole … non necessariamente dovete ritenerlo una persona desiderosa di carezze o gesti affettuosi. Le coccole, infatti, oltre alle affettuose moine, sono anche i frutti del ginepro.

Cocolla

La cocolla è l’abito dei frati; esso è composto da un'ampia cappa chiusa, con o senza maniche e con il cappuccio.

Colletto

Se qualcuno vi parla di colletto … non pensate subito ad una camicia o ad un abito talare.
Il colletto, infatti, è la parte del dente che congiunge la corona (cioè la parte visibile) alla radice.

Colli

I sette colli sui quali originariamente fu costruita Roma erano: Palatino, Aventino, Quirinale, Viminale, Celio, Esquilino, Campidoglio.

Colofonia

La colofonia è una resina vegetale gialla detta anche "pece greca".
Deve il suo nome a Colofone, città greca dell'antica Lidia, dove era prodotta la più rinomata.

Colon

Se qualcuno vi dice che ha qualche colon in tasca non vi sta prendendo in giro: il colon, infatti, oltre che un tratto dell’intestino, è anche la moneta della Costarica.

Colori

Blu - Il blu è il colore simbolo di armonia e di equilibrio.
Giallo - Il giallo è il colore simbolo della conoscenza e dell’energia.

Comodino

Nel gergo teatrale il “comodino” è un attore che conosce molto bene tutto il copione e serve da riserva qualora un attore “titolare” non possa partecipare alla rappresentazione.

Comparaggio

Il comparaggio non è solo una parentela detta in gergo napoletano (padrino di cresima, di battesimo o testimone di nozze), ma è anche un reato.
Il comparaggio, infatti, è l'accordo illegale tra una casa farmaceutica e un medico o un veterinario o un farmacista, ove questi ultimi diedero denaro o altri compensi, accettano di favori la diffusione dei prodotti dell'azienda.

Condanne

Calunnia: Presso gli aztechi i condannati per il reato di calunnia erano puniti con la mutilazione delle labbra e delle orecchie.
Stregoneria: Presso gli aztechi, i colpevoli del reato di “stregoneria” erano puniti con la pena di morte.
Ubriachezza: Presso gli aztechi chi veniva colto in pubblico in stato di ubriachezza era punito con la pena di morte.

Conference

Se qualcuno vi invita a gustare una “conference”, beh! Non è detto che vi aspettano momenti noiosi. La “Conference”, infatti, è una gustosa varietà di pera.

Confetti

I confetti nella bomboniera devono essere rigorosamente di numero dispari.

Confucio

Confucio, il grande filosofo cinese, era un funzionario statale e, fra l’altro, fu anche Ministro della Giustizia.

Contratti

Roscoe Conkling Arbuckle (Smith Center, 24.3.1887 – New York, 29.6.1933) il grande attore e regista del cinema muto che recitò anche con Buster Keaton, nel 1918 firmò un contratto triennale da 3 milioni di dollari.

Coprifuoco

Il termine “coprifuoco”, che indica il divieto di uscire di casa dopo un determinato orario, deriva dal’abitudine medioevale di coprire, ad un’ora stabilita, il fuoco con la cenere per evitare lo sprigionarsi di incendi.
All’ora prevista, un araldo attraversava le vie del paese annunciando che era l’ora di “coprire il fuoco” … in pratica iniziava il “coprifuoco”.

Corona

La corona, oltre al simbolo regale, è la parte scoperta e visibile del dente.

Coscia di donna

Chi cerca le cosce di donna … non è detto ce sia un inguaribile donnaiolo. La “coscia di donna”, infatti, è una squisita varietà di pera (chiamata anche semplicemente “pera coscia").

Cosce di monaca

Se qualcuno vi dice che gli piacciono le cosce di monaca … non lo giudicate male, tutt’altro. La coscia di monaca, infatti, è una varietà di susina dal colore vario, dall’aspetto molto attraente e dal sapore inconfondibile che matura a settembre.

Cosmesi

Fino ai primi del ‘900 in Giappone, specialmente tra le donne sposate, era diffusa la prassi di tingersi i denti di nero per essere più belle.

Cotillon

Oltre che un piccolo regalo offerto durante una festa danzata, il “cotillon” è anche un ballo di origine francese del XVIII secolo.

Cotta

Si vi si dice che qualcuno ha preso la cotta … non è detto che si tratti di un innamorato, ma può darsi di una persona che ha preso gli ordini religiosi. La cotta è un paramento liturgico consistente in una veste bianca indossata dal clero e dai ministranti nelle celebrazioni. Oppure … ha preso una bella sbronza … in passato, infatti, significava proprio questo.

Cozze

I primi ad allevare le cozze furono i romani che crearono a Taranto un grande centro di produzione.

Cren

Il Cren è detto “barbaforte”, rafano rusticano e anche rafano tedesco.

Crisantemo

Il crisantemo è il fiore simbolo del Giappone.

Crumiri

Se qualcuno vi dice che gli piacciono i crumiri … non pensate che sia un lavoratore contrario agli scioperi. Oltre ad essere operai che non aderiscono agli scioperi, i crumiri (o krumiri) sono i biscotti tipici di Casale Monferrato, creati dal pasticciere casalese Domenico Rossi nel 1878.

Cruscante

Una persona che è pedante nel parlare e nello scrivere è detto “cruscante” (da “Accademia della Crusca”).

Cuccurialli

I cuccurialli sono una specialità gastronomica della Calabria ; sono infatti ciambelle fatte con farina e patate lesse fritte nell’olio.

Cuculo

Il cuculo ha l'abitudine di deporre le uova nel nido degli altri. La femmina del cuculo depone l'uovo nel nido di un altro uccello.
Dopo la schiusa delle uova, anche il piccolo cuculo viene nutrito ed accudito dai genitori "acquisiti" come gli altri uccellini che sono nati. In pratica viene … adottato.

Cure

Ecco alcune cure e studi di malattie dal nome … strano:
- Antroterapia – E’ una cura termale che prevede la permanenza del paziente in una grotta caratterizzata da un microclima ad azione terapeutica.
- Crenoterapia – La crenoterapia è la cura effettuata con acque minerali, fanghi e simili. Il nome deriva dal greco Krène cioè sorgente.
- Fangoterapia: è una cura per gli artritici consistente nell’applicazione di speciali fanghi sul corpo.
- Fitoterapia: metodo di cura alternativa che si basa su rimedi di natura vegetale;
- Leprologia: è lo studio e cura della lebbra;
- Luminoterapia: è una terapia durante la quale il paziente è sottoposto ad un incremento di radiazioni luminose, ovviamente senza i dannosi raggi ultravioletti. E’ usata, ad esempio, per combattere la leggera depressione che colpisce alcune persone con l’arrivo dell’autunno;
- Psammoterapia: è una cura del corpo per mezzo della sabbia calda (le famose "sabbiature").
- Ludoterapia: La ludoterapia è una varietà di psicoterapia di gruppo basata su attività ricreative opportunamente organizzate.
- Lutoterapia: La lutoterapia è una cura consistente nell’applicazione sul corpo di fanghi termali. Usualmente è detta fangoterapia;

Culaccino

Il culaccino è la traccia circolare lasciata sul tavolo da un bicchiere bagnato. Culaccino indica anche l’avanzo di liquidi sul fondo del bicchiere e la parte terminale di salami, salsicce e cetrioli.


Torna a Curiosita' del mondo B oppure vai a Curiosita' del mondo D

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti