Curiosità greche S

Da Cap2.
(Differenze fra le revisioni)
(Sega)
(Seduzioni)
 
(Una revisione intermedia di un utente non mostrate)
Riga 56: Riga 56:
 
=== '''Scilla''' ===
 
=== '''Scilla''' ===
 
Scilla, il mostro marino della mitologia greca, aveva il corpo di donna con la parte inferiore a forma di pesce da cui sporgevano teste di cani voraci. <br />
 
Scilla, il mostro marino della mitologia greca, aveva il corpo di donna con la parte inferiore a forma di pesce da cui sporgevano teste di cani voraci. <br />
 +
 +
=== '''Scitale''' ===
 +
Nell’antica Sparta la scitale era un messaggio cifrato e segreto inviato dagli efori ai generali e navarchi.<br />
 +
 
=== '''Scrittura''' ===
 
=== '''Scrittura''' ===
 
I greci furono i primi a scrivere le vocali usando lettere vere e proprie; la forma di questi nuovi segni derivava da consonanti dell’alfabeto che i greci non utilizzavano. Prima dell’invenzione delle vocali si ricorreva all’uso di piccoli segni (come trattini, puntini, virgole o simili) da aggiungere alle consonanti. <br />
 
I greci furono i primi a scrivere le vocali usando lettere vere e proprie; la forma di questi nuovi segni derivava da consonanti dell’alfabeto che i greci non utilizzavano. Prima dell’invenzione delle vocali si ricorreva all’uso di piccoli segni (come trattini, puntini, virgole o simili) da aggiungere alle consonanti. <br />
Riga 65: Riga 69:
 
Lo scutàla (skytàle) era un bastone su cui venivano arrotolati i messaggi segreti scritti su una striscia a spirale ed il cui diametro era conosciuto solo dal destinatario e dal mittente.<br />
 
Lo scutàla (skytàle) era un bastone su cui venivano arrotolati i messaggi segreti scritti su una striscia a spirale ed il cui diametro era conosciuto solo dal destinatario e dal mittente.<br />
  
== '''Seduzioni''' ==
+
=== '''Seduzioni''' ===
 
Giove per sedurre Europa assunse le sembianze di un toro bianco; per sedurre Leda assunse le sembianze di un cigno.<br />
 
Giove per sedurre Europa assunse le sembianze di un toro bianco; per sedurre Leda assunse le sembianze di un cigno.<br />
  
 
=== '''Sega''' ===
 
=== '''Sega''' ===
Secondo la mitologia, la sega fu inventata da Acale, nipote di Dedalo costruttore del labirinto.<br />
+
Secondo la mitologia, la sega fu inventata da Acale, nipote di Dedalo costruttore del labirinto.<br />
  
 
=== '''Sepoltura'''===
 
=== '''Sepoltura'''===

Versione attuale delle 21:25, 30 nov 2019

CURIOSITA' GRECHE CON LA LETTERA S


Indice

[modifica] Sacrifici

1) Il primo uomo che offrì un sacrificio agli dei fu Melisseo, re di Creta, le cui figlie avevano allevato Zeus Bambino.
2) Ogni divinità aveva il suo animale preferito. Per esempio a Poseidone si sacrificava un toro, ad Atene una vacca, ad Apollo e Diana una capra; ad Asclepio un gallo o una gallina.
3) In Attica, la lingua delle vittime era riservata ad Ermes.
4) Gli antichi greci sacrificavano vittime dal manto bianco agli dei celesti e vittime dal manto scuro alle divinità degli inferi

[modifica] Saggi

Secondo Platone (nel Protagora) i sette saggi dell’antica Grecia erano:
- Biante di Priene;
- Chilone di Sparta (VI secolo a.C.) - Legislatore;
- Cleobulo di Rodi(VI secolo a.C.) - Poeta;
- Periandro di Corinto (627 – 585 a.C.) – Politico;
- Pittaco di Mitilene (ca 650 a.C. – ca 570 a.C.) – Politico;
- Solone di Atene (ca 640 – 560 a-C.) – Legislatore e poeta;
- Talete di Mileto (ca 636 – 546 a.C.) – Filosofo - fondatore della Scuola ionica.

[modifica] Sale

Nella religione greca (e anche in quella romana) il sale era un ingrediente indispensabile dei sacrifici.

[modifica] Salsiccia

1) Già nel IX secolo avanti Cristo i greci preparavano le salsicce … A dimostrazione di ciò, ricordiamo che questo salume è citato dal divino Omero nel diciottesimo canto dell’Odissea, dove una salsiccia è la posta in palio dello scontro tra Iro e Ulisse, e nel ventesimo quando il poeta descrive Ulisse che pensa a come aggredire i Proci: Come quando un uomo volta e risvolta sulla fiamma ardente una salsiccia piena di grasso e di sangue, impaziente che sia presto arrostita, così da una parte all'altra si volgeva Ulisse e meditava … “
2) Anche Epicarmo, commediografo greco del V secolo a.C., parla della lavorazione e della preparazione della salsiccia.

[modifica] Salvia

Gli antichi Greci (come pure i Romani) consideravano la salvia l’"erba della salute”.

[modifica] Sanità

Già nel 400 a.C. ad Atene esisteva una sanità pubblica: c’erano, infatti, medici stipendiati dalla polis per curare i poveri.

[modifica] Sapienti

L’oracolo di Delfi aveva definito Socrate il più grande dei Sapienti.

[modifica] Sarissa

La sarissa era la una picca, lunga circa 7 metri, usata dai guerrieri del regno di Macedonia.

[modifica] Satiri

I satiri erano divinità minori dell’antica Grecia, lascivi e dediti al vino, spesso erano raffigurati mentre suonavano il flauto, rincorrevano le ninfe o danzavano con esse.
Tra i satiri più famosi troviamo Marsia e Sileno.

[modifica] Scala di Caronte

Se qualcuno vi dice che vorrebbe scendere per la scala di Caronte, non è un pagano e non sta parlando di aldilà, ma di archeologia; nell’antica Grecia la “scala di Caronte” era la macchina teatrale usata dagli attori greci per dare l'impressione di scendere sottoterra.

[modifica] Scazonte (o coliambo)

Il trimetro giambico scazonte, cioè "giambo zoppo", è un verso della metrica greca che secondo la tradizione fu inventato dal grande giambografo Ipponatte.

[modifica] Scee

Le porte di Troia erano le Porte Scee che rappresentavano la maggiore forza difensiva della città.

[modifica] Schiavitù

1) Uno schiavo maltrattato dal padrone, poteva chiedere di essere messo in vendita.
2) Uno schiavo sospettato di aver commesso un crimine era sottoposto alla tortura affinché confessasse.
La stessa cosa non succedeva agli uomini liberi perché si riteneva che quest’ultimi, a differenza degli schiavi, fossero dotati della ragione e ciò bastava a convincerli a dire la verità.

[modifica] Scilla

Scilla, il mostro marino della mitologia greca, aveva il corpo di donna con la parte inferiore a forma di pesce da cui sporgevano teste di cani voraci.

[modifica] Scitale

Nell’antica Sparta la scitale era un messaggio cifrato e segreto inviato dagli efori ai generali e navarchi.

[modifica] Scrittura

I greci furono i primi a scrivere le vocali usando lettere vere e proprie; la forma di questi nuovi segni derivava da consonanti dell’alfabeto che i greci non utilizzavano. Prima dell’invenzione delle vocali si ricorreva all’uso di piccoli segni (come trattini, puntini, virgole o simili) da aggiungere alle consonanti.

[modifica] Scudo

Lo scudo di cuoio che portavano gli antichi soldati greci pesava circa 15 chilogrammi.

[modifica] Scutàla

Lo scutàla (skytàle) era un bastone su cui venivano arrotolati i messaggi segreti scritti su una striscia a spirale ed il cui diametro era conosciuto solo dal destinatario e dal mittente.

[modifica] Seduzioni

Giove per sedurre Europa assunse le sembianze di un toro bianco; per sedurre Leda assunse le sembianze di un cigno.

[modifica] Sega

Secondo la mitologia, la sega fu inventata da Acale, nipote di Dedalo costruttore del labirinto.

[modifica] Sepoltura

Nell’antica Grecia e nell’antica Roma, quando un bambino moriva, lo seppellivano con i giocattoli preferiti mentre era in vita.

[modifica] Sibari

- A Sibari, famosa per la ricchezza, il fasto e la mollezza dei costumi, i pescatori ed i venditori di anguille (pesci molto amati dai sibariti) era esentati dal pagamento delle tasse.
- Gli antichi greci amavano i cibi raffinati. A tal proposito, a Sibari, c’era una legge che riconosceva agli inventori di nuove ricette una specie di diritto d’autore che consisteva nella prerogativa di prepararle in esclusiva per 12 mesi.

[modifica] Sicofante

Da sykophàntes (composta da sykon = fico e da phàinein = mostrare) letteralmente “chi addita (i ladri di) fichi”.
Il sicofante era un cittadino privato che di propria iniziativa denunciava alle autorità un reato. Con il tempo divenne una vera professione.

[modifica] Simboli

Il simbolo di Esculapio, dio della medicina, era un bastone con avvolto un serpente.

[modifica] Sirene

Le sirene erano divinità del mare dal volto di donna e dal corpo di uccello senza piume. In numero di due (secondo Omero) o di tre (Partenope, Leucosa e Ligea), le sirene vivevano su un’isola del Tirreno dove, con il loro canto attiravano i naviganti facendoli naufragare sugli scogli.
(Solo dal Medioevo furono raffigurate come sono nell’immaginario comune attuale e cioè con il corpo di pesce e busto di donna, probabilmente per infliuenza della figura dei tritoni, creature metà uomo e metà pesce)

[modifica] Siringa

Oltre che uno strumento medico, la siringa era uno strumento musicale a fiato in uso nell’antica Grecia costituito da alcune canne (fino a nove) di lunghezza diversa, disposte a trapezio e legate tra di loro. Queste canne erano chiuse all’estremità inferiore ed avevano un buco nella parte superiore dove entrava e usciva il fiato.
Tale strumento era chiamato anche “siringa di Pan” o “flauto di “Pan” perché la mitologia narrava che fosse stato costruito dal dio Pan con le canne nelle quale era stata trasformata la ninfa Siringa.

[modifica] Sisifo

Sisifo, figlio di Eolo, era il più scaltro dei mortali. Fatto precipitare agli Inferi dal fulmine di Giove, fu costretto a far rotolare un masso su per un pendìo. Una volta raggiunta la sommità, il masso precipitava a valle e l’eroe era costretto a ricominciare. Da questo deriva l’espressione “fatica di Sisifo”.

[modifica] Socrate

1) La madre del grande filosofo greco Socrate era una levatrice il cui nome era Fenarete.
2) Gli accusatori di Socrate, nel famoso processo che gli costò la morte, si chiamavano: Anito, Licone e Meleto
3) Secondo alcuni autori, Socrate si manteneva in forma danzando;
4) Socrate prima di dedicarsi alla filosofia, aveva esercitato la professione di scultore, come suo padre Sofronisco e secondo una tradizione di famiglia.

[modifica] Sole

Elios, la personificazione del sole, era figlio del Titano Iperione.

[modifica] Sovrappopolazione

Secondo un’antica leggenda, gli abitanti di Ceo, un’isola delle Cicladi, eliminavano i concittadini che avevano superato i settanta anni somministrando loro una pozione a base di cicuta.
Quest’usanza fu introdotta durante un assedio da parte degli Ateniesi per ridurre la popolazione e far durare più a lungo le scorte di viveri.

[modifica] Spanna

La spanna (spithamé) era una unità di misura greca che corrispondeva a circa 22-23 cm … praticamente una spanna.

[modifica] Sparta

A Sparta gli “spartiati” (i cittadini con pieni diritti civili) erano obbligati al servizio militare dai 20 ai 60 anni.

[modifica] Spettacoli

Nell’antica Grecia per assistere agli spettacoli teatrali la gente si doveva svegliare molto presto. Questo non era dovuto al fatto di potersi accaparrare i posti migliori, ma perché le manifestazioni iniziavano allo spuntare dell’alba.

[modifica] Sport

1) A Sparta le ragazze praticavano sport come lotta, lancio del disco e del giavellotto.
2) Ad Atene, durante la festa delle Panatee, c'era un concorso riservato ai bambini per le cinque prove del pentathlon e cioè lotta, corsa, salto, lancio del disco e lancio del giavellotto.

[modifica] Spose

A Sparta, le spose, subito dopo le nozze, si facevano tagliare i capelli a zero.

[modifica] Stentore

Stentore, eroe greco alla guerra di Troia, aveva una voce così potente da eguagliare quella di 50 uomini insieme. (Da lui deriva “voce stentorea”).

[modifica] Stinfalidi

Gli Stinfalidi erano uccelli mitologici che nidificavano presso il lago paludoso di Stinfali (da cui il nome) e si nutrivano di uomini. Furono affrontati da Ercole nella sesta fatica che ne uccise molti e cacciò via i rimanenti che non fecero più ritorno.

[modifica] Superstizioni

1) L’alloro, l’acqua marina e l’aglio erano ritenuti dotati di virtù purificatrici
2) L’orzo, abbrustolito e cosparso di sale, era considerato un cibo purificatore


Torna a Curiosità greche R oppure vai a Curiosità greche T

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti